I PRODOTTI BIO DELLA VALLE DEL MARRO AL CENTRO DI VARI APPUNTAMENTI

on .

Cresce l'interesse dei consumatori per gli alimenti biologici. E ciò forse anche per il motivo che i prodotti bio abbracciano uno spettro di valori più ampio di quello che avevano in passato.

Non si può ignorare che nuovi aspetti etici e sociali si sono aggiunti ad un'agricoltura attenta all'uomo e all'ambiente.
Ad esempio, la Valle del Marro - Libera Terra unisce, alle proprie produzioni biologiche, l'impegno etico ed educativo per un territorio libero dalla mentalità mafiosa. Secondo il modo di vedere dei giovani della cooperativa, la scelta del biologico rafforza la scelta della vita, in tutti i sensi. E' scelta contro la subcultura della mafia, che è cultura di morte, nemica della dignità delle persone e della loro salute (si pensi alle ecomafie).

La scorsa estate, a Cracovia, al convegno “Ecologia integrale”, organizzato presso l’Università Jagellonica nell’ambito della Giornata mondiale della gioventù, il presidente della Valle del Marro – Libera Terra, Domenico Fazzari, ha ribadito la scelta del bio. “Siamo qui come testimoni della lotta contro le mafie nemiche del bene comune, che disprezzano e danneggiano il creato”. E nell'autunno scorso, a Fossano, per l’11° Giornata nazionale della Custodia del Creato, sempre il presidente Fazzari ha testimoniato sul modo in cui ci si può prendere cura della casa comune, con l'uso sociale dei terreni confiscati alla mafia.

prodotti bio fazzari

Il paniere dei prodotti “giusti e bio” della Valle del Marro spicca per colori, genuinità e sapore: per come riesce a fondere, nel gusto, le vocazioni agricole di un territorio fertilissimo e la sua migliore storia di impegno. Nella cura costante di un rapporto armonico tra processi naturali e bisogni dell'uomo.
Accanto al fresco (arance e clementine), si trovano i prodotti agricoli trasformati, tutti biologici: i saporiti e profumati pesti di peperoncini piccanti e di olive nere e verdi, tutti realizzati con sapienza artigianale. E l'eccellente olio extra-vergine d'oliva “Castellanense”, segnalato a pag. 274 nella prima edizione della Guida ai sapori e ai piaceri della Calabria 2017, curata e pubblicata dal quotidiano La Repubblica. “Gusto morbido e avvolgente” si legge nella Guida, con i toni di “amaro e piccante contenuti ed equilibrati”. La scelta del biologico è anche la scelta della qualità del cibo.
Cambia il modello di consumo. Il buon consumo dei prodotti provenienti dalla dignità del lavoro sulle terre confiscate alle mafie, porta al “fare più che all'avere”. Ognuno può essere concretamente al fianco di chi lotta, per produrre frutti di legalità, garantendo una qualità diversa alla vita di tutti, da Nord a Sud. E' una questione di scelte. E le scelte hanno a che fare con l'etica.

prodotti bio legalita

Sostenere con i consumi un’economia ecologicamente ed eticamente orientata, è un vantaggio per tutti. Il 7 maggio 2016, se n'è discusso a Bologna, al Convegno "Cibo e Potere" nell'ambito di Terra Equa - il festival del commercio equo e dell'economia solidale, e se n'è riparlato il 13 maggio scorso ad Udine, alla Fiera Commercio Equo Solidale FVG. In entrambi gli appuntamenti - occasioni per capire meglio il ruolo di consumatori e la futura evoluzione del commercio equo e solidale - la Valle del Marro ha portato la propria esperienza di piccolo produttore alternativo, esempio di resistenza contro le logiche di potere.

prodotti bio terra equa

Lo scorso ottobre, il tema del “Ruolo delle imprese per un’economia civile e sostenibile” è stato al centro di un seminario nazionale, organizzato e promosso dalla Fondazione Lanza a Padova, nella sede dell’Istituto vescovile Barbarigo. Il seminario rappresentava il primo di quattro appuntamenti nazionali, in vista del Secondo forum nazionale di Etica civile, tenutosi a Milano l’1 e 2 aprile 2017. Ai lavori ha partecipato la “Valle del Marro – Libera Terra” raccontando le proprie “buone pratiche”, indirizzate ad una cittadinanza ecologica, nel rispetto dell’ambiente, in un’ottica di legalità, e proponendo spunti per il Forum.

la repubblica guida

Agricoltura biologica e sociale ed eccellenze agroalimentari del Sud, sono stati il tema di un open day di tre giorni (dal 24 al 26 marzo 2017), dal titolo “L’agricoltura sociale verso l’innovazione. Un’opportunità nel Programma di sviluppo rurale calabrese”. L'evento, organizzato dalla Regione Calabria, con il Dipartimento agricoltura e risorse agroalimentari, si è svolto alla Fiera “Vita in campagna–il Salone di origine”, la manifestazione di riferimento per gli hobby farmer, a Montichiari (Brescia). Alle cooperative sociali calabresi presenti alla Fiera con prodotti biologici ed etici, tra cui la Valle del Marro – Libera Terra, è stata riservata una collettiva denominata ‘I semi della legalità’, nel padiglione ‘Origine’, dedicato alle produzioni tipiche di nicchia del Paese.